LIDAR

Introduzione

I dati LIDAR (LIgth Detection And Ranging), sono ottenuti tramite sistemi di misurazione laser a scansione montati su aeromobili e permettono di ottenere misure topografiche di elevata precisione. I dati grezzi sono costituiti da una nuvola di punti disposti irregolarmente sul territorio, di cui sono note le coordinate, la quota e l’intensità di riflessione. I principali prodotti che si ottengono dall’elaborazione di questi punti sono il DTM (Digital Terrain Model) e il DSM (Digital Surface Model). In particolare, il DSM viene ottenuto dai dati puntuali x, y, z “first pulse”, corrispondenti alla rappresentazione tridimensionale di tutte le superfici riflettenti (suolo, vegetazione, edifici, etc.), mentre il DTM viene ottenuto dai dati puntuali x, y, z “last pulse”, corrispondenti alla rappresentazione tridimensionale della sola superficie fisica del suolo.
L’attuale copertura LIDAR del bacino dell’Arno è stata realizzata negli anni 2007-2009 ed è derivata dai rilievi effettuati da vari enti territoriali, tra cui Autorità di Bacino dell’Arno, Regione Toscana e Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM). Tali rilievi sono stati omogeneizzati e riportati nel sistema di riferimento ROMA40, proiezione Gauss-Boaga fuso W, dal Sistema Informativo della Regione Toscana producendo DTM e DSM con cella di 1 metro, la cui copertura è mostrata in figura seguente:

Estensione totale rilievi LIDAR

Estensione totale rilievi LIDAR

Tali dati sono disponibili presso il Servizio Geografico della Regione Toscana, a cui è necessario rivolgersi per ogni richiesta di fornitura ed utilizzo.

Gran parte di questi dati derivano da un lavoro svolto in compartecipazione tra Autorità di Bacino del fiume Arno e Regione Toscana consistente in una campagna di rilievi svolta nella primavera-estate 2008 che ha interessato i territori delle Province di Firenze, Siena, Prato e Pistoia, per una superficie totale pari a circa 120.000 ha. Per tali rilievi sono disponibili, presso l’Autorità di Bacino del fiume Arno, le nuvole di punti in formato xyz relative al primo ed ultimo impulso, oltre che i DTM e DSM ottenuti dalla loro elaborazione. In particolare, tali dati sono georeferenziati sia in coordinate WGS84 proiezione UTM fuso 32N sia in coordinate ROMA40 proiezione Gauss-Boaga fuso W. L’informazione altimetrica è riferita sia al Datum ITALGEO 99 che alla relativa superficie ellissoidica di riferimento. In funzione della densità di punti originaria sono stati elaborati DTM e DSM con celle di 1m o 2m a seconda dell’area geografica di copertura, come mostrato nella seguente.

mappa

Rilievi LIDAR AdB Arno / Regione Toscana

Metadati

Le schede di metadato del catalogo dei dati dell’Autorità di Bacino del Fiume Arno.

In accordo con le modalità di gestione del Catalogo Dati, le schede contengono i dettagli degli strati informativi direttamente gestiti dall’ente, o per i quali l’ente ha fornito un contributo diretto alla loro realizzazione. Altre informazioni, anche sul reperimento di ulteriori dati LIDAR, possono essere ottenuti attraverso i collegamenti riportai alla voce “riferimenti” sotto riportata.

  • Classe LIDAR del Catalogo Dati.

Riferimenti

L’acquisizione dei dati LIDAR può avvenire attraverso i seguenti punti di contatto: